NUOVI CRITERI IN ARRIVO PER LA CONSERVAZIONE DELLE INFORMAZIONI CREDITIZIE NELLE BANCHE DATI

Aggiornamento: 13 ago 2020



Come spesso accade, nel mondo del credito le regole cambiano e di conseguenza cambiano anche quelle del SIC (sistema di informazione creditizie): le famose banche dati. Che sia CTC, CRIF, EXPIRIAN, CERVED o altre non importa, tutte queste aziende seguono regole ben precise. Ma andiamo a vedere insieme cosa è cambiato:


Qualora un cliente sia in arretrato per più di 90 giorni per un importo inferiore alla soglia di rilevanza va considerato inadempiente?

Se non ci sono altri parametri che il cliente non ottemperi ai suoi doveri non va classificato necessariamente in default. Per l'automatica classificazione in default, l'ammontare dello sconfinamento/arretrato per più di 90 giorni consecutivi devi andare oltre la soglia di materialità stabilite dalle normative europee. Lo sconfino deve andare oltre i 500 euro per le aziende e 100 euro per privati e piccole medie aziende e deve rappresentare l' 1% del totale complessivo delle esposizioni verso il gruppo bancario.


Come vengono calcolati i giorni di arretrato?

Si calcolano partendo dal giorno successivo alla data in cui gli importi dovuti per capitale, interessi e commissioni non vengono - anche parzialmente - pagati. Qualora i pagamenti verso la banca vengano sospesi e le scadenza cambiate, il calcolo dei giorni arretrati segue il nuovo piano di ammortamento, intendendo che il periodo oggetto di sospensione/rinegoziazione non viene preso in considerazione ai fini del suddetto calcolo.


Si può andare a compensazione degli importi scaduti con altre linee di credito non utilizzate dello stesso debitore?

L'autorità bancaria europea ha eliminato tale possibilità. la banca è tenuta a classificare l'impresa in default anche qualora questa possieda linee di credito ancora aperta con la stessa banca che potrebbero essere utilizzate per compensare gli insoluti.


Per le esposizioni di due o più debitori, solidalmente responsabili per il rimborso delle stesse (obbligazioni congiunte), cosa accade se uno dei due debitori finisce in default?

Se ci dovessero essere obbligazioni creditizie congiunte, il default di un debitore non si estende in automatico alle cointestazioni. Se tutti i debitori esposti congiuntamente vengano classificati in stato default anche l'obbligazione congiunta lo diventa; in caso analogo se l'obbligazione congiunta sia classificata in default anche le obbligazioni di tutti i debitori sono considerate in default.


Nel caso di ritardato incasso del pagamento, la banca considera comunque in default il cliente?

Ci sono vari casi in cui viene considerato in default:

1) malfunzionamento del sistema di pagamento

2) ritardata esecuzione di un ordine da parte del cliente

3) errori nei processi della banca che causano un ritardato/inesatto accredito del pagamento effettuato


Dopo quanto tempo la banca non considera non più in default il cliente?

Viste le nuove regole devono decorrere almeno tre mesi dal momento in cui non sussistono più le condizioni per vedere il cliente in default. In questo periodo, la banca valuta il comportamento e situazione finanziaria e, dopo i tre mesi, se la situazione finanziaria del cliente sia effettivamente migliorata non valutarlo più come in default.


Quindi perchè seguire attentamente le nuove regole?

Bisogna onorare puntualmente i piani di rimborso, al fine di non incorrere in importanti segnalazioni non tralasciando anche le piccole cifre. A partire dal 1 Gennaio, quindi, entrano in vigore questi nuovi cambiamenti che valuta inadempiente il cliente che abbia un arretrato consecutivo di oltre 90 giorni dove risulti insoluto un importo di 100 euro e oltre lì 1% del totale delle esposizioni verso il gruppo bancario. Però, sanato l'arretrato e decorsi almeno 90 giorni dalle regolarizzazioni senza che ci siano altre criticità, decadrà automaticamente la segnalazione.


Mail: servizio.clienti@fidisolutions.com 🖥

Whatsapp e telefono: 3913833011 📲

Facebook: @fidisolutions 💻


#credito #prestito #finanziamento #banca #mutuo #cessionedelquinto #finanziaria #crif #ctc #banchedati #informazione #post #blog

13 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti